Senato della Repubblica

| Torna all'indice | Vai alla Home Page |

Legislatura 15¬ - Aula - Resoconto stenografico della seduta n. 283 del 27/02/2008


GAGGIO GIULIANI - Al Ministro dell'interno - Premesso che:

Riccardo Rasman era un giovane nato a Trieste il 5 agosto 1972;

nel 1992 il Rasman, nel corso dell'espletamento del servizio di leva durante, riferì di aver subito atti di "nonnismo" in seguito ai quali iniziò a manifestare una sindrome schizofrenica paranoide;

a seguito di un ricorso promosso contro il Ministero della difesa, sezione della la Corte dei conti per il Friuli-Venezia Giulia con sentenza del 26 settembre 2003 riconobbe al giovane, in relazione alla sindrome maturata, l'infermità dipendente da causa di servizio;

il 27 ottobre 2005, poco dopo le ore 20.00, Rasman era da solo nel suo appartamento assegnatogli dall'Istituto case popolari a Trieste, presso il quale si recava saltuariamente;

Rasman si trovava probabilmente in uno stato di agitazione psico-fisica dovuto alla sua malattia e, tenendo la musica della radiolina alta, si mostrò nudo sul balcone da dove lanciò due petardi sulla strada, uno dei quali cadde vicino alla figlia del portiere dello stabile;

questo episodio, pur non provocando lesioni alla ragazza, spinse a chiedere l'intervento del 113;

quando le Forze dell'ordine giunsero sul posto con due volanti il Rasman, si era ormai rivestito e steso a letto spaventato, rifiutandosi di aprire la porta di casa;

nonostante il Rasman, secondo le testimonianze dei vicini, si fosse completamente calmato e seduto sul letto, gli agenti chiesero l'ausilio dei Vigili del fuoco per forzare la porta;

una volta sfondata la porta di casa, vi fu una violenta colluttazione fra il Rasman, di corporatura molto robusta, e i quattro agenti che lo immobilizzarono;

dopo la colluttazione Rasman riportava ferite sanguinanti al volto e alla testa; fu ammanettato con le mani dietro alla schiena e gli furono legate le caviglie con un filo di ferro;

gli agenti effettuarono su Rasman una prolungata pressione sul dorso al fine di renderlo inerme, e lo lasciarono nella predetta posizione prona per diversi minuti nel corso dei quali il Rasman iniziò a respirare affannosamente e ad emettere rumorosi rantoli, percepiti anche dai vicini di casa;

Riccardo Rasman cessò di rantolare e divenne cianotico, ma solo tardivamente gli agenti chiesero l'intervento del 118, senza ancora, nel frattempo, provvedere a voltare l'uomo in posizione supina;

giunti sul posto gli operatori del 118, viene constatato il decesso del Rasman;

considerato che:

le indagini vennero effettuate su delega del pubblico ministero dagli stessi poliziotti coinvolti nella colluttazione;

dopo due anni di indagine, nell'ottobre 2007, il pubblico ministero dott. Mortone ha richiesto l'archiviazione del caso ritenendo che i quattro agenti intervenuti, indagati per omicidio colposo, abbiano agito nell'adempimento di un dovere e quindi con pieno diritto, pur essendo stato accertato dalla perizia medico-legale disposta dallo stesso pubblico ministero che il decesso è avvenuto per "asfissia posturale" del Rasman causata dall'azione dei quattro agenti;

effettuata opposizione all'archiviazione da parte dei legali della famiglia Rasman, il prossimo 28 febbraio 2008 si celebrerà davanti al giudice per le indagini preliminari l'udienza che dovrà decidere sulla richiesta di archiviazione;

questo episodio presenta delle inquietanti similitudine con quanto pare sia accaduto al giovane Federico Aldrovandi, il giovane di 18 anni morto a Ferrara pochi minuti dopo essere stato fermato e malmenato dalla Polizia,

si chiede di sapere:

se il Ministro in indirizzo intenda chiarire quali siano i motivi per i quali siano stati utilizzati metodi tanto brutali con un invalido psichico;

se intenda verificare la scelta di assegnare l'indagine agli stessi poliziotti coinvolti nella colluttazione e quindi nella morte del Rasman;

come intenda intervenire per far chiarezza su questi episodi di fermi di polizia che troppo spesso si tramutano in colluttazioni ed a volte, come nel caso di Rasman e del giovane Aldrovandi, sfociano in tragedia.

(4-03480)